ISEE - COMUNE DI CARAVAGGIO

Amministrazione | Gli Uffici | Ufficio Servizi sociali | ISEE - COMUNE DI CARAVAGGIO

ISEE 

 

NUOVO I.S.E.E.-  Indicatore delle Situazione Economica Equivalente

entrato in vigore il 01 gennaio 2015 a seguito del Decreto del Presidente Consiglio dei Ministri 05 dicembre 2013 n. 159 e del Decreto Ministeriale 07 novembre 2014.

L’attestazione I.S.E.E. viene rilasciate dall’I.N.P.S. entro dieci giorni lavorativi a seguito della presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica - D.S.U. presso le sedi I.N.P.S., i C.A.F., l’Ufficio Servizi Sociali comunale (solo per situazioni particolari ed urgenti) direttamente dai cittadini utilizzando il codice P.I.N. rilasciato, a richiesta, dall’I.N.P.S.

La Dichiarazione Sostitutiva Unica è un documento che contiene le informazioni di carattere anagrafico, reddituale e patrimoniale necessarie a descrivere la situazione economica del nucleo familiare per la richiesta di prestazioni sociali agevolate. Le prestazioni sociali agevolate sono prestazioni o servizi sociali assistenziali la cui erogazione dipende dalla situazione economica del nucleo richiedente, compresi i servizi di pubblica utilità a condizione agevolate (bonus elettrico e gas).

La Dichiarazione Sostitutiva Unica ha carattere modulare perché non è rigida ed identica per tutte le situazioni, ma è strutturata su più moduli, ed all’interno di essi su più quadri, in base alle informazioni che di volta in volta occorre fornire al fine di ottenere I.S.E.E. specifici.

La Dichiarazione Sostitutiva Unica per il calcolo dell’I.S.E.E. ha validità fino al 15 gennaio dell’anno successivo a quello di presentazione della stessa.

Ordinariamente l’I.S.E.E. fa riferimento ai redditi percepiti nel secondo anno solare precedente la D.S.U.. In alcune situazioni, in presenza di rilevanti variazioni del reddito a seguito di eventi avversi (ad esempio la perdita del posto di lavoro), viene data la possibilità di calcolare un I.S.E.E. corrente basato sui redditi degli ultimi dodici mesi (anche solo degli ultimi due mesi in caso di lavoratore dipendente a tempo indeterminato per cui sia intervenuta la perdita, sospensione o riduzione dell’attività lavorativa). Alla variazione lavorativa di uno dei componenti deve associarsi, ai fini del calcolo dell’I.S.E.E. corrente, una variazione della situazione reddituale complessiva del nucleo familiare superiore del 25% rispetto alla situazione reddituale individuata nell’I.S.E.E. calcolato ordinariamente. Pertanto, prima di chiedere il calcolo dell’I.S.E.E. corrente deve essere già stata presentata una D.S.U. e ricevuta l’attestazione con l’indicazione dell’indicatore della situazione reddituale, sulla base del quale verrà verificato il possesso dei requisiti per il calcolo dell’I.S.E.E. corrente che avrà una validità di due mesi.

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (173 valutazioni)