Verso il centro - COMUNE DI CARAVAGGIO

Vivere Caravaggio | Guida Turistica | Verso il centro - COMUNE DI CARAVAGGIO

Terminata la visita al Santuario ci dirigiamo verso la città. Lo potete fare a piedi, se avete tempo e voglia (siamo distanti poco più di 1300 metri dalla chiesa di San Bernardino, dove inizia il nostro percorso cittadino) oppure in automobile, che potete lasciare nei pressi della chiesa stessa.

 

IL VIALE

Il Viale che conduce al centro e termina all'Arco di Porta Nuova è lungo circa 1600 metri, tagliato in due dopo poco più di un chilometro dalla linea ferroviaria e dalla Statale 11. Anche il Viale ha la sua lunga e tormentata storia. Fino al 1694 non fu altro che un viottolo immerso negli acquitrini. In quell'anno iniziarono i primi lavori di livellamento della sede stradale che acquisì una sua prima fisionomia nel 1710 quando fu inaugurato l'Arco sopraddetto. Abbandonata al suo destino per quasi un secolo, nel 1803 la strada venne di nuovo livellata e vi si piantarono cinquecento ippocastani. Nel 1831 si posero altre piante e in due anni si ultimò il vialetto di destra. Quello di sinistra fu ultimato nel 1837 insieme a quello centrale; nell'occasione vi si piantarono altre mille piante. Il Viale fu inaugurato ufficialmente nel 1838 con un'illuminazione che durò tre notti consecutive. Di proprietà del Santuario, fu ceduto al Comune, regolato da una Convenzione, nel 1982.
Dei circa milleseicento ippocastani originari non ne rimasero che poco più di cinquecento, decimati da una malattia.




 

Nel 1999 l'Amministrazione, dopo uno studio approfondito, ha provveduto a un completo recupero del viale provvedendo all'abbattimento di altre duecentotrenta piante pericolanti e prevedendo oltre alla piantumazione di poco più di trecento nuovi alberi una diversa e meno fitta collocazione.

LA PESTE

Come detto, dopo poco più di un chilometro, il Viale è interrotto dalla linea ferroviaria. Poco prima del passaggio a livello, sulla destra, si apre Via Valle che conduce alla cappella campestre di San Bartolomeo dove una lapide ricorda i morti di peste del 1630. Le vittime, che furono sepolte in questo cimitero improvvisato, in quello di San Valeriano (sulla strada per Mozzanica, oggi ne sono scomparse le tracce), in quello di Sant'Eusebio (l'attuale cimitero), al Santuario e alle cascine Volte, furono secondo alcuni studiosi 1630, come l'anno nefasto, 3666 secondo quanto risulta dalla dicitura letta nella Cappella. L'ipotesi più accreditata è certamente la prima visto, tra l'altro, che nel 1608 Caravaggio contava circa quattromila abitanti.

LA STAZIONE

Superato il passaggio a livello, a sinistra si trova la Stazione ferroviaria, ammodernata intorno al '900. La linea Treviglio-Caravaggio-Cremona fu inaugurata nel maggio del 1863, un anno dopo i tumulti di protesta della popolazione caravaggina decisamente contraria a che la ferrovia tagliasse in due il viale, e per di più correndo su un terrapieno di un metro e trenta. La linea è stata elettrificata nel maggio del 1977.

LA CASA LITTORIA

Superata anche la Statale 11, il viale continua la sua corsa, mentre a sinistra si apre alla vista la Casa littoria, o ex Casa del fascio, che rappresenta una valida testimonianza architettonica del periodo fascista. L'edificio fu costruito tra il 1935 e il 1937 su progetto dell'architetto Alziro Bergonzo che in quegli anni aveva ottenuto l'incarico per numerose opere pubbliche del regime. Delle sue realizzazioni a Bergamo rimangono notevoli testimonianze: dalla casa Littoria (oggi casa della Libertà) alla fontana di Porta Nuova (detta Zuccheriera), fino al famoso cippo rosso poligonale dell'autostrada Milano-Bergamo. La Casa del fascio era in una sua minima parte dedicata alla rappresentatività; il resto era dedicato agli uffici di Federazione. Con la caduta del fascismo, divenuta un bene statale, la casa fu trasformata nel 1945 in alloggio per famiglie senzatetto.
Torniamo al viale: sulla destra, guardando l'Arco di Porta Nuova, potete vedere il complesso monastico di San Bernardino.



 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (186 valutazioni)